Raggi UV fanno male?
▶︎ Benessere & Lifestyle H3.0

Raggi UV fanno male? Ecco cosa sono e come utilizzarli

I raggi UV fanno male? Una domanda che ognuno di noi si è posto almeno una volta nella vita. In estate soprattutto tendiamo a pensare all’abbronzatura, a raggiungere quel colore dorato che, al giorno d’oggi, a tutti piace, con un pensiero fisso però verso il sole e i raggi UV.

Il mare ci attira, ci rilassa, ma se ci esponiamo al sole la prima cosa che facciamo per proteggere la nostra pelle è mettere la crema solare. Perché? I raggi UV possono provocare modificazioni delle cellule cutanee, portando a un invecchiamento della pelle, alla formazione di macchie e anche alla comparsa di melanomi nei casi estremi.

Sappiamo tutti che se non gestiti correttamente ed in eccesso i raggi UV sono dannosi. Ma spesso dimentichiamo gli aspetti benefici di queste radiazioni: indispensabili per la formazione di vitamina D, che favorisce la fissazione del calcio alle ossa, hanno in se anche una potente azione disinfettante.

Sulla loro funzione disinfettante ne parlerò più avanti. In questo periodo infatti si stanno diffondendo le lampade a raggi UV, che secondo importanti studi (vedi UV-C irradiation is highly effective in inactivating and inhibiting SARS-CoV-2 replication) permettono la sterilizzazione di oggetti e ambienti, grazie alla loro capacità di inattivare e inibire la riproduzione dei virus.

Prima di soffermarci su questo importante effetto, vado un po’ più a fondo per capire meglio cosa sono questi raggi UV.

Cosa sono i raggi UV

I raggi ultravioletti, sono delle radiazioni elettromagnetiche emesse dal sole e invisibili all’occhio umano. Infatti vengono chiamatiultravioletti(oltre il violetto) proprio perché questo colore è quello con la frequenza più elevata a cui l’occhio può arrivare.

Come abbiamo anticipato sopra questi raggi sono responsabili dell’abbronzatura, della formazione di macchie come le efelidi, di eritemi solari e sono la causa principale della formazione di tumori alla pelle.

A seconda dell’effetto che hanno sulla salute umana si suddividono in:

  • Raggi UV-A: tra tutti e tre sono quelli che maggiormente colpiscono la Terra e rappresentano, infatti, il 98% dei raggi solari che arrivano a noi. La loro lunghezza d’onda è di 320-400 nm., hanno grandi effetti sull’abbronzatura e, proprio per questa lunghezza, sono in grado di penetrare negli strati della pelle fino al derma.
  • Raggi UV-B: rappresentano la restante parte dei raggi che colpiscono la Terra, il 2% di essi oltrepassano l’atmosfera. La lunghezza d’onda va dai 280 ai 320 mn. e quindi rimangono negli strati superficiali della pelle, senza superare l’epidermide. Hanno inoltre degli effetti dannosi sulla pelle perché in grado di modificare il materiale genetico del DNA e aumentare il rischio di tumore.
  • Raggi UV-C: Questo tipo di raggi non riesce ad oltrepassare la fascia di ozono, e direi anche per fortuna! Perché questi solo quelli più dannosi e cancerogeni per la salute dell’uomo. La loro lunghezza d’onda è di 100-280 mn.

Raggi UV e lotta al coronavirus

Di recente l’attenzione è stata portata dai media sulla capacità sterilizzante delle radiazioni UV e sulle applicazioni e tecniche preventive per eliminare i virus: si tratta della lampada UV germicida, che attraverso il potere disinfettante dei raggi ultravioletti sterilizza stanze e superfici.

lampada-raggi-uvc

Sono stati infatti effettuati degli studi da parte della Columbia University sui raggi ultravioletti lontani e dell’effetto che potrebbero avere sul contenimento del Coronavirus.

Ma attenzione! Cosa vuol dire raggi ultravioletti lontani?
Parliamo di UVC lontani quando siamo di fronte a raggi con lunghezza d’onda molto più corta, che danneggia le cellule, colpendo anche virus e batteri.

Fino a questo momento abbiamo evidenza che questa nuova tecnica è in grado di sconfiggere due tipi di Coronavirus stagionali e altri studi si stanno svolgendo sul Covid-19. La cosa certa è che l’esposizione a questo tipo di raggi inattiva e inibisce la riproduzione del virus.

Da leggere: Raggi ultravioletti e Coronavirus: cosa sapere?

L’uso della radiazione UV per contrastare il Covid-19

La RADIAZIONE UV è una metodologia di sterilizzazione che utilizza la luce ultravioletta con lunghezze d’onda comprese nella banda UV-C (tra 280 e 100 nanometri), in grado di modificare il DNA o l’RNA dei vari microorganismi.

sano3med

I danni creati alle strutture cellulari sono tali da impedire loro di riprodursi o di essere dannosi.
Questo metodo di sterilizzazione è usato da diversi anni come strumento per sanificare ambienti ed oggetti, capace di garantire un livello di efficacia pari al 99,99%.

“Abbiamo illuminato con luce UV soluzioni a diverse concentrazioni di virus, dopo una calibrazione molto attenta effettuata con i colleghi di INAF e INT – afferma Mara Biasin, docente di Biologia applicata dell’Universita Statale di Milano – e abbiamo trovato che e sufficiente una dose molto piccola – 3.7 mJ/cm2 , cioe equivalente a quella erogata per qualche secondo da una lampada UVC
posta a qualche centimetro dal bersaglio -per inattivare e inibire la riproduzione del virus di un fattore 1000, indipendentemente dalla sua concentrazione”.

Andrea Bianco, Tecnologo INAF aggiunge: “Con dosi cosi piccole e possibile attuare un’efficace strategia di disinfezione contro il Coronavirus. Questo dato sara utile a imprenditori e operatori pubblici per sviluppare sistemi e attuare protocolli ad hoc utili a contrastare lo sviluppo della pandemia”.

Per approfondire: Studio «Coronavirus disattivato dai raggi ultravioletti in pochi secondi»

I raggi UV fanno male agli occhi

Come per le altre parti del corpo esposte al sole anche gli occhi sono soggetti all’effetto del sole e dei suoi raggi ultravioletti. Gli occhi soprattutto sono una delle parti del corpo più delicate e per questo vanno protetti per evitare irritazioni, congiuntivite, arrossamenti e fotosensibilità, perché nel lungo periodo potrebbero apportare danni definitivi.

L’unica via di protezione sono gli occhiali da sole, che oltre ad essere utilizzati come accessorio andrebbero valutati proprio come mezzo di prevenzione contro conseguenze spiacevoli dell’esposizione al sole.

Proprio per questo motivo andrebbero evitati tutti gli occhiali di scarsa qualità, venduti magari a 2 o 5 euro in spiaggia o per bancarelle perché fatti interamente in plastica con lenti inefficaci contro i raggi solari.

Quindi punta a occhiali con lenti di qualità, spenderai qualcosa in più ma saranno sicuramente un’ottima protezione per i tuoi occhi e per quelli dei bambini.

Esposizione raggi UVC

I raggi UV-C come già accennato sopra sono dei raggi che non oltrepassano l’atmosfera e quindi la fascia d’ozono della Terra e sono molto pericolosi per l’uomo.

Raggi di sole

L’esposizione a questi raggi quindi è rischiosa sia per l’uomo che per gli altri esseri viventi, per questo i raggi UVC se utilizzati, anche in campo medico, vanno trattati con molta attenzione e con protezioni specifiche.

I raggi UV fanno male? La tua opinione

Il sole: la nostra fonte di energia e di vita e produttrice di questi raggi ultravioletti che possono portare effetti negativi e positivi sul nostro corpo.

Come ho detto per un’esposizione prolungata al sole è bene proteggersi con creme, cappelli e occhiali proprio per evitare gli effetti dannosi di irritazioni e scottature e garantirsi comunque anche gli effetti positivi, come la produzione di vitamina D.

La ricerca scientifica ed altri studi più approfoditi, attualmente in corso, ci aiuteranno a verificare l’efficacia e chiarirci le idee anche sull’uso dei raggi UV come sistema di sterilizzazione dai virus.
Per ora lascio la parola a te, che ne pensi? Scrivilo nei commenti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Integratori "Equilibrio & Performance"

    Ordine H3 Mental Plus

    Ordine H3 0 Stress

    HIDRO-GEN H3.0: Acqua Pura e Attiva. Sempre.

      Ordine HIDRO-GEN H3.0

      Ottimizzatori dell'Idratazione ON-THE-GO

        Ordine Ottimizzatori dell'Idratazione

        Quantità:

        SANO3MED. PROTETTI SEMPRE, NATURALMENTE

          Richiedi Dispositivi SANO3MED