Come far bere i bambini
▶︎ Benessere & Lifestyle H3.0

Come far bere i bambini

L’Associazione Pediatri Italiani consigliano di non dare bevande zuccherate ai bambini, soprattutto ai più piccoli, sotto i due anni. Per questa ragione, quando parliamo di come far bere i bambini facciamo sempre riferimento a bevande senza zucchero: acqua, spremute, estratti, tisane come la camomilla o il finocchio, preparati con filtro in bustina e latte.

Il 58% dei bambini in età scolare beve meno di un litro d’acqua al giorno, troppo poco rispetto ai livelli di assunzione indicati dalla Società Italiana di Nutrizione Umana, per la fascia di età 7-10 anni. Ogni giorno nel bambino la perdita dovuta a diuresi, respirazione e sudorazione, è pari in media a 15 % del suo peso corporeo.

Dunque è indispensabile reintegrarla con intervalli regolari, poiché i bambini come gli anziani sentono lo stimolo della sete solo quando il corpo è in riserva.

I benefici dell’acqua per il bambino?

L’acqua è fonte di minerali indispensabili, come magnesio e potassio. Assicura la corretta densità del sangue, garantisce la termoregolazione, permette ai reni di eliminare le sostanze di scarto, stimola il transito intestinale e agisce da solvente per i nutrimenti ingeriti. Favorisce l’assorbimento di sostanze indispensabili come

  • Amminoacidi
  • Glucosio
  • Vitamine
  • Sali minerali

Se l’organismo ne è carente, il bimbo può andare incontro a sintomi quali mal di testa, stanchezza e difficoltà di concentrazione. Questo accade perché anche il cervello ha bisogno di una costante idratazione, dunque se si è in una condizione di moderata disidratazione, si perde lucidità. Vuoi favorire la corretta idratazione dei bambini?

Oltre a riempire spesso il bicchiere durante i pasti, si possono proporre cibi ricchi d’acqua come la frutta, le minestrine a base di brodo vegetale, i pomodori che hanno il 94,2% d’acqua, la zucca che ne contiene il 95% e molti altri ancora.

Per approfondire: i migliori siti dedicati alla salute in Italia

 

La corretta assunzione di liquidi

L’acqua è fondamentale per uno sviluppo sano dei bambini, in quanto oltre ai molteplici benefici che possiede aiuta a prevenire l’obesità e aumentare la concentrazione. La maggior parte dei genitori è molto attenta a quanto cibo mangiano i loro figli, ma non prestano abbastanza attenzione alla loro idratazione nell’arco della giornata.

come far bere i bambini
Come far bere i bambini.

Questo atteggiamento è stato confermato dal fatto che solo il 51% dei genitori ritiene l’idratazione tra i principali aspetti da monitorare per la salute dei bambini, mentre poco più del 54% chiede ai propri figli se e quanto abbiano bevuto.

Questa tendenza è emersa dai dati Gfk Eurisko, riportati nel corso del convegno “Bere bene per crescere bene” organizzato da Federazione Mondiale Termalismo e Climatoterapia (FEMTEC) e Società Italiana di Pediatrica Preventiva e Sociale (SIPPS).

 

Decalogo, idratazione del bambino

Come far bere i bambini? La SIPPS ha elaborato un decalogo sull’idratazione per informare i genitori e suggerire loro il giusto rapporto di acqua da far assumere ai propri figli:

  • L’acqua è un nutrimento essenziale.
  • Una corretta alimentazione del bambino deve comprendere acqua e sali minerali.
  • La quantità e la qualità dell’acqua dipendono da:
    • età
    • condizioni di salute
    • regime alimentare
    • attività svolta
    • clima.
  • Il fabbisogno giornaliero è maggiore nel neonato in base al corpo.
  • I soft drink non sono considerate una sorgente d’acqua per i bambini.
  • Per i bambini che svolgono attività sportiva è consigliabile una pre-idratazione.
  • Un’idratazione inadeguata è associata a un:
    • Indice di massa corporea più elevato.
    • Rischio maggiore di sviluppare obesità.
  • L’insufficiente assunzione è associata a un indice di massa corporea più elevato.
  • Il Pediatra e i genitori devono valutare i parametri riportati sulle etichette dell’acqua.
  • L’allattamento al seno soddisfa i bisogni idrici del lattante.

Qualora il latte materno non fosse disponibile, per la preparazione del latte artificiale vanno utilizzate acque minimamente mineralizzate con residuo fisso < 50 mg/L e oligominerali con residuo fisso tra 50 e 500 mg/L. Dopo l’anno di vita si possono utilizzare anche acque minerali.

 

Bambino di 2 anni non beve acqua

Il bambino probabilmente non beve acqua perché non ha sete. Il meccanismo è regolato nel nostro organismo che soddisfa il suo bisogno di liquidi con il latte e con tutto ciò che contiene acqua come frutta, minestrine e passati di verdura, che assumerà nell’arco della giornata. È bene continuare a proporgli sempre l’acqua.

Perché il bambino deve imparare che è importante bere fin dalla più tenera età. Inoltre, con l’arrivo dell’estate e l’aumento delle temperature, il nostro corpo ha più bisogno di liquidi, e di conseguenze il bambino accetterà più volentieri di bere acqua.

Con lo scopo di far bere il bambino è sconsigliato proporre bevande zuccherate come tè, succhi di frutta, ecc.. che potrebbero abituarlo a un uso di prodotti privi di utilità dal punto di vista nutrizionale. In quanto favoriscono un eccessivo introito di zuccheri semplici e predispongono all’obesità e alla carie dentaria.

Da leggere: Le bevande gassate fanno male?

Far bere i bambini quando stanno male

Quando i bambini stano male e hanno la febbre passa la fame e anche la sete. Per questa ragione è importante mettere in atto qualche trucchetto:

  • Bere con la cannuccia.
  • Versare la bevanda in borraccia per bambini.
  • Utilizzare bicchieri personalizzati con personaggi dei cartoni animati.
  • Dare un sapore diverso all’acqua aggiungendo qualche goccia di limone o d’arancia.
  • Proporre alimenti ricchi d’acqua come frutta e verdura.

 

Quando iniziano a bere i bambini?

Nei primi mesi di vita il lattante non ha bisogno di bere acqua, il latte materno è composto per oltre il 95% di acqua. Una piccola quantità di acqua si può introdurre durante i pasti con l’inizio dello svezzamento, dunque a partire dal sesto mese.

Come insegnare a bere ai bambini

Quando si avvicina il momento dello svezzamento e della prima pappa, il bambini, oltre ad abituarsi ai nuovi sapori e a mangiare cibi dalla consistenza più solida. Iniziano a prendere confidenza con le posate e a mangiare e bere da soli.

Non esiste un’età precisa per iniziare a bere da soli al bicchiere. Il consiglio è quello di rispettare i tempi del bambino e lasciarlo che si abitui progressivamente all’idea che il biberon non è l’unico sistema per sfamarsi o dissetarsi.

come far bere i bambini
Insegnare i bambini alla buona educazione idrica.

Per un bambino riuscire a bere da solo è un passo verso l’indipendenza. Pertanto, sarà utile scegliere un bicchiere evolutivo, studiato appositamente per agevolare il passaggio dal biberon al bicchiere.

Esistono le tazze per neonati, colorate e divertenti, realizzate con un apposito beccuccio che aiuta i bambini a bere con facilità e in tutta sicurezza. Il bambino cresce, si potranno scegliere tazze adatte alla sua età, bicchieri dotati di cannuccia o anche tazze termiche, ideali per mantenere fresche a lungo le bevande.

Da leggere: i vantaggi per chi beve acqua e limone

 

Bere in modo indipendente: quando?

L’indipendenza nel bere avviene intorno ai 2 anni, ma alcuni piccoli sono in grado di bere da soli già qualche mese prima. Il problema principale, una volta che il bambino è in grado di coordinare al meglio mano e occhio, è dosare il liquido. Meglio iniziare a piccoli sorsi, per aiutarlo a gestire nel modo migliore le quantità da assumere.

Non preoccupatevi se il bambino non riesce subito a bere o se ha ancora delle difficoltà dopo i due anni, ricordatevi che ogni bambino è diverso dall’altro e il nostro ruolo è quello di accompagnarlo, piano piano, verso l’autonomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Integratori "Equilibrio & Performance"

Ordine H3 Mental Plus

Ordine H3 0 Stress

IDRO-GEN H3.0. MicroMolecole Detox

Ordine IDRO-GEN H3.0. MicroMolecole Detox

Ottimizzatori dell'Idratazione ON-THE-GO

Ordine Ottimizzatori dell'Idratazione

Quantità:

Smartwatch + App H3

Ordine Smartwatch