Come bere meglio?
▶︎ Idratazione, Scienza e Salute

5 domande e risposte per bere meglio durante la giornata

Come bere meglio? Questo è il dubbio che assale chi ha deciso di prendersi cura del proprio corpo iniziando proprio da una sana idratazione. È possibile idratarsi in modo corretto?

Ci sono delle regole da seguire per avere sempre un buon rapporto con il liquido più importante per il nostro corpo? Ecco una serie di interrogativi con relative risposte per vivere meglio.

Quanto devo bere in una giornata?

Il fabbisogno di acqua giornaliero per un individuo adulto è stabilito dalle linee guida LARN (livelli di assunzione giornaliera di riferimento) fornite dalla Società Italiana di Nutrizione Umana. Un soggetto adulto, maschio, dai 18 anni in poi dovrebbe bere circa 2,5 L di acqua al giorno.

Una donna dai 18 anni in poi dovrebbe bere circa 2 L di acqua al giorno. Diverso è il quantitativo per quanto riguarda gli adolescenti (con un intervallo che va dai 2,1 L ai 2,5 L per i maschi e da 1,9 L a 2 L per le femmine) e i bambini, il cui fabbisogno oscilla tra 1,2 L e 1,8 L.

Leggi anche: quali sono gli alimenti idratanti e ricchi d’acqua?

Che acqua scelgo per bere meglio?

Le acque non sono tutte uguali. Uno dei principali parametri per il quale si distinguono è il residuo fisso. Ovvero la parte dell’acqua che rimane dopo che subisce i processi di evaporazione ed essiccamento a 180° C. In base a tale parametro possiamo parlare di:

  • Acque minimamente mineralizzate. Sono definite leggere poiché povere di minerali, e utili in campo medico perché favoriscono la diuresi e si usano per la calcolosi renale.
  • Oligominerali. Sono a basso contenuto di minerali e ottimali per il consumo quotidiano in quanto, essendo povere di sodio, aiutano a contrastare la ritenzione idrica e la cellulite.
  • Medio minerali. Contengono un’elevata percentuale di sali minerali, trovano impiego in diversi ambiti in base alle tipologie di minerali in esse disciolti;

Poi ci sono le mineralizzate o acque medicali. Il loro consumo è consigliato soltanto sotto prescrizione medica e per il trattamento di specifiche patologie ortopediche, reumatiche, dermatologiche (acne e psoriasi) e respiratorie (tra cui anche la sinusite). In base alle proprie esigenze sarà possibile scegliere.

Come devo bere per dissetarmi bene?

Una volta stabilito il proprio fabbisogno idrico è necessario distribuire l’assunzione di acqua durante tutto l’arco della giornata. Difatti il nostro stomaco ha una capacità limitata per l’assorbimento dell’acqua, capacità oltre la quale l’acqua va direttamente all’apparato urinario.

E viene eliminata senza quindi idratare le cellule. Per tale motivo è necessario bere il quantitativo d’acqua distribuendolo nell’arco della mattinata e del pomeriggio in base al proprio fabbisogno.

Durante i pasti è consigliabile bere al massimo 1 – 2 bicchieri di acqua frizzante, per aiutare i processi digestivi. Un quantitativo maggiore diluirebbe i succhi gastrici causando problemi alla digestione.

Non ho sete, come posso bere meglio?

A volte alcune persone, specialmente gli anziani e i bambini che avvertono meno il senso della sete, non riescono a bere la semplice acqua. Per ovviare a queste problematiche evitando di ricorrere a bevande gassate e/o zuccherate è possibile ricorrere a delle alternative.

HIDRO-GEN H3.0 - Acqua Pura, Viva e Attiva. Sempre.

In inverno ad esempio bere delle tisane calde, del the, del karkadè, tutti aromatizzati di modo da non aggiungere zuccheri. In estate è invece possibile creare da sé dell’acqua aromatizzata (alla frutta, alla menta, al cetriolo, al limone e così via) da bere fresca durante tutto l’arco della giornata.

Da leggere: come bere 2 litri di acqua al giorno

Sono uno sportivo, devo bere di più?

Sì. Quando ci si allena si perde molta acqua. La quantità di calore prodotta durante un allenamento è elevata. L’organismo, per evitare il surriscaldamento e mantenere costante la temperatura corporea, dissipa il calore con la produzione di sudore e l’evaporazione del vapore acqueo.

Tale sistema è molto efficiente in quanto l’acqua nel corpo fa sia da trasportatore di calore che da refrigerante rimuovendo il calore per evaporazione. L’assunzione di acqua in uno sportivo dovrebbe essere così suddivisa: 5 – 10 ml/Kg quattro ore prima dell’esercizio, 300 – 500 ml nelle due ore precedenti l’allenamento, da 6 a 12 ml/kg/h durante la performance.

Fonti per approfondire l’argomento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *